Basilica di San Marco

Basilica di San Marco

Basilica di San MarcoBasilica di San Marco Venezia Italia

Basilica di San Marco

L’origine della Basilica di San Marco

Il Basilica di San Marco fu originariamente costruito nel IX secolo per ospitare le reliquie dell’evangelista San Marco, rubate nell’828 da Alessandria d’Egitto da una spedizione presumibilmente commissionata dal doge Giustiniano Participazio di Venezia. Questa basilica, situata sul Piazza San Marco e adiacente al Palazzo Ducale, era destinato a rivaleggiare con quello di Roma, che avrebbe ospitato le reliquie di San Pietro.

Visita guidata della Basilica di San Marco 1h con guida francese 32€ con accesso alla Basilica di San Marco, alla terrazza sul tetto della Basilica e al Museo di San Marco Visita guidata della Basilica di San Marco + Palazzo Ducale con guida francese 2h: 79€.

La storia delle reliquie di San Marco.

Angelo: Sapevi che le ossa di San Marco, rubate dalla sua tomba, furono portate da Alessandria a Venezia da due mercanti, o pseudo tali?

Oriane : Sì, e non hanno esitato a nasconderli in un cesto contenente carne di maiale!

Angel: Perché maiale e non agnello o manzo? San Marco ha preferito le salsicce di maiale italiane alla merguez?

Oriane : Niente affatto! Inoltre, non erano salsicce, ma fette di pancetta salata. Molto intelligente per nascondere le reliquie ai doganieri musulmani che non rischierebbero di perquisire il carico!

Se hai deciso di visitare la Basilica di San Marco per rendere omaggio alle ossa del santo, sei sulla strada sbagliata!

Vedrete pezzi di ossa quando visiterete il tesoroma non quelli di l’evangelista. Questi furono restituiti nel 1968 da papa Paolo VI per porre fine a una disputa tra la Chiesa latina e la Chiesa copta ortodossa, erede della Chiesa orientale fondata in Egitto da San Marco.

Così vi riunirete sul suo sarcofago vuoto! Quindi, se volete davvero onorare il Santo Apostolo della tua visita, dovrai fare il viaggio al Cairo!

Basilica di San Marco VeneziaBasilica di San Marco – cupola bizantina

La prima basilica fu distrutta nel 976 nell’incendio del Palazzo Ducale, poi ricostruita nell’XI secolo.
La sua pianta, a croce greca, è di ispirazione bizantina, sul modello della chiesa dei Santi Apostoli a Costantinopoli.

È stato arricchito nel corso dei secoli per diventare un vero capolavoro che mescola influenze bizantine, islamiche, gotiche e rinascimentali.

Verifica la disponibilità del tuo futuro hotel a Venezia Verifica la disponibilità del tuo futuro appartamento a Venezia

La Basilica di San Marco, oltre ad essere un magnifico mostra di mosaiciLa mostra è un po’ la grotta di Ali Baba, poiché contiene molti tesori acquisiti e molti rubati nel corso dei secoli.

Citiamo per esempio, da numerose reliquie come una fiala di sangue di Cristo, un pezzo del bastone a cui era attaccata la spugna di Cristo, un pezzo di stoffa usato per la lavanda dei piedi, i capelli della Vergine, la spada di San Pietro con cui tagliò l’orecchio di Malco.
Ma anche oro, pietre preziose, marmo… Il cavalli di bronzoLe repliche di questi cavalli, che sono conservate all’interno della chiesa e sono esposte sopra il portale, sono state rubate anche da Costantinopoli !

Di tutti i tesori contenuti nella Basilica, il più ricco, il Pala d’Orod’altra parte, è un risultato del orafi di Costantinopoli per il doge Pietro Orseolo nel 978.

La facciata della Basilica di San Marco

Quando ti trovi davanti alla facciata della Basilica, ti chiedi se non sei stato teletrasportato fuori dall’Italia!
Da Cupole bizantineInfatti, oltre ad essere riccamente decorato, le sue molteplici ispirazioni lo rendono completamente unico.

Ammiriamo 5 portali ad arcoseparato da colonne di marmosormontato daarchi riccamente scolpiti e decorato con magnifici mosaici colorati.

Angelo: Diamo un’occhiata alla decorazione del portale di sinistra: rappresenta l’ingresso del corpo di San Marco nella chiesa.

Oriane: Questo è il più antico mosaico di questa facciata! Risale al 1270. La stessa scena è rappresentata più a destra, questa volta del XVII secolo.

Facciata della Basilica di San MarcoFacciata della Basilica di San Marco Venezia

Colonne della Basilica di San Marco VeneziaColonne della Basilica di San Marco

Mosaico sulla facciata della Basilica di San MarcoMosaico della facciata della Basilica di San Marco

Come visitare la Basilica di San Marco?

Come visitare la Basilica di San Marco, informazioni pratiche

La visita della Basilica di San Marco è gratuita ma con una successione di punti di interesse a pagamento.
L’ingresso alla Basilica richiede la coda, che in alcuni giorni può durare più di un’ora senza problemi.

Dovrete pagare e fare di nuovo la fila per accedere alla Pala d’Oro (2€), al Tesoro (3€) e alle logge al piano superiore con la vista dai balconi e al Museo di San Marco (5€).
Raccomandiamo il biglietti per la basilica.

Non c’è un’audioguida a noleggio e vengono mostrate poche informazioni. Vi consigliamo di prendere una guida francese con il vostro biglietto.

Le foto sono vietate e le guardie occasionalmente espellono i trasgressori.

Come in qualsiasi luogo religioso, sono richiesti un abbigliamento decente (ginocchia e spalle coperte, quindi niente canottiere o gonne) e il silenzio.

Aperto dalle 9.45 alle 16.45 dal lunedì al sabato e dalle 14 alle 16.45 la domenica e i giorni festivi. Si prega di notare gli orari della messa.

Le borse non sono ammesse, c’è un deposito bagagli gratuito (ma limitato a 1 ora) in una piccola strada a sinistra a 200m (indicato da cartelli).

I nostri consigli per visitare la Basilica di San Marco:

Gli svantaggi sono il mondo e la difficoltà di comprendere rapidamente tutti gli aspetti storici e culturali della Basilica di San Marco.
Per evitare le code e per ottenere un guida in francese abbiamo selezionato il biglietti per il taglio della coda con la seguente guida francese:

Visita guidata della Basilica di San Marco 1h con guida francese 32€ con accesso alla Basilica di San Marco, alla terrazza sul tetto della Basilica e al Museo di San Marco Visita guidata della Basilica di San Marco + Palazzo Ducale con guida francese 2h: 79€.

Mappa della Basilica di San MarcoMappa della Basilica di San Marco

Migliaia di metri quadrati di mosaici colorati e dorati

L’interno del Basilica di San Marco a Venezia è interamente coperto da mosaici!
Sono multicolori ma con un colore oro dominante per riflettere la luce di Dio sul luogo.

Anche prima di entrare nel navatasu entrambi i lati della porta principale, il nartece ci offre i più antichi mosaici risalenti all’XI-XIII secolo, che rappresentano episodi dellaVecchio Testamento.

In particolare, il cupola della Creazione sulla destra descrive, leggendo in senso antiorario, le fasi del genesi con Adamo ed Eva, poi il diluvio e l’arca di Noè.

Mentre andiamo avanti nel navatasiamo immersi nel Nuovo Testamento con il apostoli e la Vergine, la Pentecoste, l’Ascensione e dettagli della vita degli apostoli che non ho la presunzione di interpretare qui.

Angel: È magnifico! Che luce! Come possono questi mosaici riflettere così tanto la luce?

Oriane: È il tipo di mosaico che lo permette. A differenza della maggior parte dei mosaici, il tessere che li costituiscono non sono fatti di pietra ma di vetro!
Perché i colori sono occhiali colorati. Per le tinte oro e argento, una lastra di metallo prezioso è inserita tra due strati di vetro incolore.
Per accentuare i giochi di luce e di riflessi offerti dalla combinazione vetro/metallo, il artisti ha giocato con gli angoli per avere un set coperto da migliaia di facce.

Angel: Intelligente e di successo! Essere abbagliati nell’oscurità di un chiesa… Una nuova esperienza!

Mosaici della Basilica di San Marco VeneziaBasilica di San Marco, Venezia

Foto Mosaici della Basilica di San Marco a VeneziaMosaici della Basilica di San Marco a Venezia

Mosaico Basilica di San Marco VeneziaMosaico Basilica di San Marco Venezia

Mosaici della Basilica di San Marco VeneziaMosaici della Basilica di San Marco Venezia

Mosaico d'oro Basilica di San Marco VeneziaMosaico Basilica di San Marco Venezia

Il marciapiede

Ma non è sufficiente visita San Marco con il naso all’aria, dovreste essere interessati anche al pavimentazione che viene percorsa durante la visita.
È fatto di marmi e pietre di tutti i colori e disegna forme geometriche, cerchi, rosette, triangoliSpirali, stelle, rombi… con un abbagliante precisione matematica!
E la cosa più sorprendente è che questi non sono solo disegni geometrici piatti, ma anche illusioni ottiche ed effetti di rilievo creati dal gioco dei colori sfumati.

Oriane : Se mi avessero dato questo tipo di disegni da costruire a scuola, sono sicura che mi sarebbe piaciuta di più la geometria!

Angel : Sì, ma a quel tempo eri già bionda, vero?

Dietro l’altare, vicino al Pala d’OroIn questa zona si trova un tipo speciale di pietra.
Mostra un cuore con un Copricapo del Doge o “corno dogale” che sormonta una forma di riccio, simbolo della famiglia Erizzo.
Questo è il luogo preciso dove il cuore del doge Francesco Erizzo è stato sepolto secondo la sua volontà.

Pavimentazione a mosaico del pavimento della Basilica di San MarcoMosaico San Marco Venezia

Pavimento San Marco VeneziaPavimento della Basilica di San Marco Venezia

Pietro Cuore Doge Erizzo FrancescoMarciapiede Cuore di pietra Doge Erizzo Francesco Basilica di San Marco Venezia

Sol Basilica di San Marco, VeneziaPavimento Basilica di San Marco Venezia

Pavimento Basilica di San Marco VeneziaPavimento Basilica di San Marco Venezia

Arte bizantina, colonne di marmo o scolpite, statue…

Quando ti trovi nella Basilica di San Marco, non sai dove girarti perché ci sono così tanti dettagli da scoprire.
L’iconostasi di marmo(separazione tra la navata e il cuore) e decorato con statue è magnifico, così come il altare maggiore sormontato da 4 colonne di alabastro scolpite dietro il quale si nasconde il famoso pala d’oro il Pala d’Oro.

Iconostasi della Basilica di San Marco VeneziaIconostasi della Basilica di San Marco

Colonna di marmo nella Basilica di San MarcoColonna di marmo nella Basilica di San Marco

Colonna in alabastro di San MarcoBasilica di San Marco altare a colonne di alabastro

Altare della Basilica Apostolica di San MarcoSarcofago di San Marco Venezia

Il Pala d’Oro (ingresso 2€)

Questo è un pala d’oro largo quasi 3,5 m e alto 1,40 m, intarsiato con più di 1900 pietre preziose e 80 smalti.
Commissionato nel 976 dal DogeÈ stato fatto da Orafi bizantini poi arricchito nel corso dei secoli da artisti greci e romani. Veneziani al suo aspetto attuale nella metà del XIV secolo.
Ogni smalto rappresenta un apostolo, un angeloa profetaun’illustrazione del Bibbia o una scena del vita a Venezia.

Pala d'Oro Basilica di San MarcoPala d’oro Pala d’oro

Pala d'Oro VeneziaPala d’oro nella Basilica di San Marco Venezia

Pal d'Oro Basilica di San MarcoPala d’oro Basilica di Venezia

Pala d'oroPala d’oro Basilica di San Marco Venezia

Il tesoro (ingresso 3€)

Angel : Facciamo una caccia al tesoro?

Oriane: Ok, ma qui tutto è nella stessa stanza; non è molto difficile!

Oltre al reliquie di Santi o Dogi nelle loro scatole di velluto, molti calici più o meno riccamente decorate, icone, bruciatori d’incenso, spade d’oro e di pietra preziosa…

Un intero bottino di Ali Baba è tornato da Costantinopoli specialmente durante il 4a crociata intorno al 1200. I capolavori? Il bruciaprofumi, l’icona dell’Arcangelo Michele e il calice d’oro.

Bruciatore di profumo tesoro Basilica di San Marco VeneziaBruciatore di profumi Tesoro della Basilica di San Marco Venezia

Da vedere: il museo di San Marco nelle logge al piano superiore (ingresso 5€)

Sarebbe un peccato non salire, anche solo per ammirare la vista del Piazza San Marco tra le gambe del famoso Cavalli di San Marco.

Oriane: Sai che questi cavalli di San Marco sono repliche?

Angel: Sì, ma quelli veri sono lì, nel museo… Sono stati recuperati nel 1815 da Venezia dopo che un “prestito” di Napoleone permise loro di essere esposti a Parigi sul Arco di Trionfo del Carrousel. Quelli di Parigi sono anche repliche!

Oriane: Sono cavalli da viaggio… Possiamo prenderli in prestito per qualche settimana per la terrazza del nostro appartamento, giusto il tempo di produrre altre repliche?

Angel: Aie, aie… Hai altre buone idee come questa? Invece di inveire, guardate questo panorama! Il Piazza San MarcoQuesta è la cosa reale! Il Palazzo Ducale anche!

Oriane: È davvero bello!

Angel : Sì… Era la terrazza riservata al Dogi e i loro parenti a partecipare al Feste veneziane e cerimonie che hanno avuto luogo su Piazza San Marco!

In questo museo Oltre all’attuale cavalli di bronzo si possono vedere frammenti di mosaici dei secoli XIII e XVI.
Soprattutto quelli che mostrano Abramo con un’espressione indignata, le sopracciglia alzate, a causa del leggendario pettegolezzo del Veneziani!
I mosaici recentemente restaurati sono esposti in questo museo, in attesa di essere restituiti alla loro posizione originale; questa è un’opportunità per vederli da vicino.
Anche da vicino, si possono ammirare i bellissimi mosaici sulle pareti e cupole della Basilica.
E poi il sala dei banchetti dei Dogi vale la pena dare un’occhiata!

Cavalli di bronzo nella Basilica di San Marco VeneziaCavalli di bronzo nella Basilica di San Marco

Cavalli di bronzo nella Basilica di San MarcoCavalli di bronzo nella Basilica di San Marco

Cavalli di bronzo nella Basilica di San MarcoCavalli di bronzo nella Basilica di San Marco

Cavalli di bronzo nella Basilica di San MarcoCavalli di bronzo nella Basilica di San Marco

Cavalli di bronzo nella Basilica di San MarcoCavalli di bronzo nella Basilica di San Marco

Cavalli di bronzo nella Basilica di San Marco VeneziaCavalli di bronzo alla Basilica di San Marco Venezia

La maggior parte dei Visitatori di Venezia non conoscono il significato dei 3 alberi davanti alla basilica.
Infatti corrispondevano ai 3 regni conquistati dal Dogi nel corso della storia: Cipro, Creta (allora chiamata Candia), e il Peloponneso (antica Morea).
Al tempo di Napoleone I suoi simboli, che erano inquietanti perché potevano essere equiparati alla tirannia associata alle sue conquiste, furono sostituiti dai simboli di Libertà, Virtù ed Eguaglianza.

Basilica di San Marco

Per andare oltre si può guardare il sito della Basilica di San Marco in italiano.