Covid-19: due casi di variante indiana nella zona di Venezia

Covid-19: due casi di variante indiana nella zona di Venezia

Il presidente della regione italiana nord-orientale del Veneto, Luca Zaia, ha detto lunedì che due casi di pazienti risultati positivi alla variante indiana del Covid-19 sono stati registrati nella regione, mentre un altro caso è stato identificato a marzo nella Toscana centrale.

“Oggi abbiamo a Bassano”, circa 50 chilometri a nord-ovest di Venezia “i primi due pazienti, sono due indiani, con la variante indiana”, ha detto alla stampa Luca Zaia, citato dall’agenzia AGI, senza aggiungere dettagli. Secondo il quotidiano La Repubblica, il primo caso della variante indiana è stato registrato in Italia, in Toscana (centro), a marzo. In risposta allo scoppio di contagi Covid-19 in India, l’Italia domenica ha vietato l’ingresso di persone dal paese. “Oggi ho firmato una nuova ordinanza che vieta l’ingresso in Italia alle persone che sono state negli ultimi 14 giorni in India”, aveva annunciato il ministro della Salute Roberto Speranza sul suo account Facebook. “I residenti italiani possono tornare ma devono fare il test (anti-Covid, ndr) alla partenza e all’arrivo e rimanere in quarantena al loro ritorno”, aveva detto il ministro.