FORESTE DEMANIALI REGIONALI

11_11

Quando pensiamo al bosco, subito pensiamo agli alberi che lo compongono. Poi, magari, pensiamo anche ai funghi che vi troviamo. Qualche volta, se siamo silenziosi e fortunati, nel bosco ci càpita l’avventura di incontrare il capriolo o la volpe. E che gioia raccogliere i lamponi tra le foglie dei rovi o le castagne rintanate nei ricci. E come guardiamo ai colori che mutano e alle sensazioni che proviamo di fronte all’incredibile tavolozza dei verdi divenuti gialli, arancioni, rossi, ocra e marroni. Perfino viola. E poi passiamo nel mezzo del bosco, e non ci sfugge la musica del vento che pettina le foglie. E ci meravigliamo nel sentire il picchio che tambureggia sui tronchi d’albero e accompagna i nostri passi. E quale soddisfazione portare la legna davanti al camino e accendere il fuoco, che è ricordo di bosco. Bene. Se le foreste fossero solo la somma di questi egoistici piaceri, diciamo la verità: potremmo anche rinunciarvi. Inveneto