Venezia: dopo dieci giorni senza turisti, i canali sono di nuovo liberi

Venezia: dopo dieci giorni senza turisti, i canali sono di nuovo liberi

Questa ritrovata purezza è una rara buona notizia per la città e la sua regione, colpo duro dal nuovo coronavirus
Coronavirus: secondo un ultimo rapporto, 94 persone sono morte in Veneto, dove il numero di casi positivi è balzato in 24 ore (510 in più, per un totale di 3.214 e un aumento del 20%).

Dopo la cancellazione del carnevale di Venezia, alberghi, ristoranti e caffè, che tengono viva Veneziasono stati chiusi come nel resto del paese.

Le barche veloci che attraversano i suoi canali e la laguna, rimescolando il fango, non navigano più. Solo le barche della polizia o servizi ospedalieri che ancora solcano le acque.

Non c’è più niente più plastica nell’acquatroppo spesso scartati con noncuranza dai turisti.

“Resta a casa. E la natura vi ringrazierà.

Su FacebookGli abitanti hanno creato una pagina, “Venezia pulita”, sulla quale condividono foto di cormorani o garzette, o anche un pesce che nuota tranquillamente, un’immagine che sarebbe stata impensabile fino a pochi giorni fa, data la natura opaca delle acque.